Idee e Brevetti creano ricchezza - Theorem
1109
post-template-default,single,single-post,postid-1109,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Idee e Brevetti creano ricchezza

L’Ufficio Brevetti Europeo e l’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale hanno pubblicato uno studio sul contributo all’economia dell’Unione da parte delle industrie che fanno un uso intensivo della Proprietà Intellettuale.

Lo studio si concentra su titoli di marchi, brevetti, disegni, diritto d’autore, indicazioni geografiche e nuove varietà vegetali. Sul fronte economico considera indicatori quali il Prodotto Interno Lordo, il grado di occupazione e i salari.In sintesi, lo studio mira a promuovere la proprietà intellettuale come strumento per la competitività e la crescita.

In Italia, l’apporto al PIL è superiore alla media rispetto agli altri paesi europei (46,9% vs 44,8%). Il contributo decisivo è da parte delle industrie che ricorrono a marchi d’impresa e disegni. Sono quasi 7 milioni gli occupati in industrie ad uso intensivo di titoli IP: pari al 31% del totale di occupati, quasi uno su tre!