Le PMI Europee e i diritti di Proprietà Intellettuale - Theorem
1143
post-template-default,single,single-post,postid-1143,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Le PMI Europee e i diritti di Proprietà Intellettuale

L’EUipo ha pubblicato l’edizione 2019 dello studio ‘SME Scoreboard’: un’analisi dettagliata degli atteggiamenti e dei sentimenti delle PMI europee nei confronti dei diritti di Proprietà Intellettuale. Lo studio mappa una serie di indicatori interessanti del rapporto PMI e diritti IP da differenti prospettive. Ad esempio, la valutazione del grado di innovazione di una PMI, l’uso dei diritti IP acquisiti, la valorizzazione economica conseguita, il problema della contraffazione.

Tra i vari dati emersi, le principali motivazioni delle PMI europee a depositare titoli IP sono: impedire di essere copiati da parte dei concorrenti (59%), quindi incrementare la certezza del diritto (58%) e infine migliorare l’immagine e il valore dell’impresa (36%).

Leggi lo studio qui.